Eventi

« Settembre 2019 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30
"L'appetito vien mangiando, la sete se ne va bevendo" (Rabelais)

AIES ad Autochtona 2013

Torna alla lista delle news

 

Martedì 22 ottobre u.s. un gruppo di volenterosi, ma soprattutto liberi da impegni, Maestri Sommelier AIES è partito alla volta di Bolzano, zona fiera, per visitare Autochtona 2013, il forum nazionale dei vini autoctoni, giunto quest’anno alla sua 10° edizione. Attualmente si tratta di uno degli appuntamenti più significativi e originali per conoscere da vicino il ricco universo rappresentato dalla produzione vinicola autoctona italiana, spaziando da nord a sud dello stivale.

Ad oggi possiamo contare in Italia circa 600 varietà autoctone, alcune pressoché sconosciute anche agli addetti del settore, ma che grazie alla caparbietà dei produttori sono arrivate fino ai giorni nostri e rappresentano tuttora un patrimonio inestimabile per promuovere il nostro territorio e le nostre tradizioni. Non dimentichiamoci mai che il vino è anche cultura e storia.

Un centinaio circa le aziende agricole presenti alla fiera di Bolzano, rappresentative un po’ di tutte le zone vitivinicole italiane. Abbiamo quindi potuto degustare dai petite arvine e fumin della Valle d’Aosta al vermentino di Gallura, dai negroamaro e primitivo pugliesi al pelaverga piemontese, dal glera veneto al greco bianco calabrese, passando per il lambrusco di Sorbara, la lacrima di Morro d’Alba, il montonico abruzzese, il timorasso piemontese, il moscato di Scanzo e tanti altri ancora, tutti allo stesso modo degni di nota per la passione con cui i produttori ce li hanno voluti presentare, in quanto patrimonio ampelografico da salvaguardare e tramandare alle future generazioni.

L’ultimo giorno della fiera sono stati assegnati gli Autochtona Awards, selezionati da una giuria di esperti tra oltre 300 etichette presenti, ecco i vincitori delle cinque categorie:

Miglior vino dolce: Ucelut 2009 di Castelcosa (Friuli Venezia Giulia);

Miglior Spumante: Lambrusco Rosé di Modena Doc Metodo Classico 2010 di Cantina della Volta (Emilia Romagna);

Miglior Vino Bianco: Abruzzo Dop Montonico Superiore 2012 di Vini La Quercia (Abruzzo);

Miglior Vino Rosso: Salento Igt Negroamaro Le Braci 2006 dell’Azienda Monaci (Puglia);

Premio Speciale Terroir (tradizionalmente assegnato all’etichetta che meglio rappresenta l’espressione del vitigno legato al suo territorio di riferimento ): Valle d’Aosta Dop Petite Arvine 2011 di La Source (Valle d’Aosta).

Noi casualmente abbiamo avuto l’occasione di assaggiarli tutti i vini premiati e vi possiamo assicurare che rappresentano nel migliore dei modi la produzione autoctona italiana.

 

Un ringraziamento particolare di AIES va allo Staff di Coordinamento per Autochtona 2013, nella persona di Fabio Beggi, che ha permesso alla nostra Accademia di essere invitata alla fiera.