Eventi

« Agosto 2018 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31
Non conosco nulla che vellichi così voluttuosamente lo stomaco e la testa quanto i vapori di quei piatti saporiti che vanno ad accarezzare la mente preparandola alla lussuria. (De Sade)

Gola 2017 IGT Consorzio San Michele

Torna alla lista delle recensioni

Il vino che mi accingo a degustare oggi è l’Isola dei Nuraghi IGT GOLA 2017, blend dai gesti nobili e sontuosi, lo accosto ai maestri profumieri arabi che miscelavano le materie prime più rare e preziose con lentezza, pazienza e metodo.

GOLA è un blend a base Cagnulari al 70% ed altre uve autoctone Sarde al 30%. Siamo a Berchidda, provincia di Sassari, a due passi dal mare, in piena Gallura, dove il Cagnulari viene chiamato localmente Caldareddu. Le origini del Cagnulari non sono certe, si pensa sia stato introdotto in Sardegna durante la dominazione Aragonese del seicento. Sembra avere anche delle somiglianze genetiche con il Mourvedre, coltivato nel sud della Francia, conosciuto in spagna con il nome Monastrell.

A promuovere questo interessante vitigno autoctono provvede anche la Confraternita del Cagnulari, un’associazione che organizza eventi durante tutto l’arco dell’anno per far conoscere e valorizzare questo vino del Sassarese. Alla mescita si presenta un bel rosso rubino intenso, un blend pregiato che ha naso serrato, integro, di buona eleganza e finezza.

Di qualità molto fine, apre a riconoscimenti di frutti di bosco e liquirizia. Il naso è un susseguirsi di sfumature floreali di dolci effluvi di cioccolato, roteando il calice arrivano anche note piacevolmente balsamiche. Al palato fanno breccia la solida struttura non potente ma elegante con trama tannica fine e setosa, una vena minerale che accompagna un’apertura a coda di pavone di lavanda, rosmarino, frutti di bosco neri e umidità terrose.

Termina la piacevole degustazione una persistenza lunga e delicata con ritorni speziati fusi a note di cioccolato e tabacco da pipa.

Il mio abbinamento è stato con uno dei prodotti tipici della Sardegna, un prosciutto di pecora di Ploaghe (SS).

Un ultimo suggerimento: questo importante blend del Consorzio San Michele è perfetto durante una cena tra amici, dove ci si concede qualche peccato di GOLA in più, perché la compagnia con cui beviamo un calice di vino è sempre il miglior abbinamento.

Maestro Enogastronomo Sommelier Domenico Barletta

Consorzio San Michele
Loc. San Michele
07022 BERCHIDDA (OT)
www.consorziosanmichele.com