Eventi

« Giugno 2017 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30
Non ricordo il nome del luogo né quello della ragazza, ma il vino, mio Dio, era uno Chambertin. (Hillaire Belloc)

"BATÉST": - Sangiovese di Romagna Superiore Riserva Doc- Valle delle Lepri

Torna alla lista delle recensioni

Nel mondo della viticultura e dell' enologia, la Romagna viene da sempre associata al Sangiovese.

Un uva straordinaria, che ha fatto nascere in me, Romagnolo DOC, la curiosità e l' interesse per quello splendido mondo che è il vino.
Un uva grazie alla quale è nata una passione!
In questi luoghi ho potuto conoscere numerose aziende vitivinicole che, partendo per l'appunto dal Sangiovese, uvaggio troppo spesso ingiustamente sottovalutato, ci regalano ogni anno prodotti sorprendenti.
Lungo la strada dei vini e dei sapori dei Colli di Rimini, si affaccia una piccola realtà vitivinicola a conduzione familiare, l' Az. Agr. Biologica "Valle delle Lepri" di Coriano, il cui Sangiovese superiore riserva è un vero e proprio gioiello locale che ho avuto il piacere di scoprire solo di recente e di cui sono ben lieto di poter parlare.
Nei loro dieci ettari di vigna, Silvano, Ivana e Luca Cecchini profondono tutta la loro passione per la terra, preziosa eredità di nonno Battista che, negli anni '50, è divenuto proprietario di quegli stessi terreni nei quali da giovane era stato mezzadro.
Dei dieci ettari, due parcelle sono dedicate proprio a barbatelle di Sangiovese di Romagna, coltivate a cordone speronato da cui nasce questa Riserva che ho degustato per voi.

La "Riserva” di Sangiovese di Romagna superiore DOC, prende il nome di Batèst, in onore e memoria dello scomparso nonno Battista (nel dialetto locale, appunto Batèst) e, dal 2003, viene prodotto solo nelle annate migliori.
Si presenta in una classica ed elegante bottiglia bordolese al centro della quale, su sfondo nero, l’etichetta raffigura il profilo del "vecchio Cecchini".
L'annata 2007, da me degustata, si presenta di un bellissimo color rosso rubino.
Ricco di alcol ed estratti, scorre pesante sui bordi del bicchiere solcando le pareti con "lacrime" molto ravvicinate.
Al naso, accompagnati da un raffinato potpourri di fiori e dai tipici profumi di violetta, rivela sentori di frutta rossa e spezie.
La prugna e l'amarena lasciano spazio, solo in un secondo momento, a note di liquirizia, pepe, chiodi di garofano e vaniglia.

Secco di zuccheri ed assolutamente caldo, colpisce immediatamente per l’eccezionale equilibrio tra parti dure e morbide. L'elevato contenuto di alcol (14,5%vol) e la morbidezza conferita dal legno addolciscono, pur senza eliminarla, l’astringenza dei tannini, comunque ben presente.
Senz’altro un vino armonico, con una buona acidità e una discreta freschezza che, senza voler ricalcare l’austerità e la complessità dei colleghi toscani, rivela una bella struttura ed una forte eleganza.
Un vino da tutto pasto ma che si sposa perfettamente con secondi piatti di carne sia succulenti che untuosi, tipici della cucina dell’entroterra romagnolo, come una tagliata di manzo rucola e grana (cottura rigorosamente al sangue), coniglio alla cacciatora, grigliate di carne a base di costarelle e salsicce oppure con un bel pezzo di formaggio di fossa di Sogliano.
Consiglierei di apprezzarlo ad una temperatura di circa 18° in calici di medie dimensioni con base larga e stelo lungo (tipo Rodano o Bordeaux) per valorizzarne i profumi.
Naturalmente, Valle delle lepri non è solo Sangiovese; accanto alla produzione tipica romagnola di pagadebit, pignoletto (che, fuori della DOC, nei colli di Rimini, prende il nome di rebola) e trebbiano, vengono coltivati alcuni vitigni internazionali quali cabernet sauvignon, merlot e chardonnay. Sono esplorate anche nuove frontiere, con la proposta di curiosi esperimenti quali un metodo classico di chardonnay e pagadebit (di cui sono state prodotte solo 500 bottiglie) e una interessante versione di rebola passita parzialmente botritizzata, per cui se vi trovate sulla viva costiera romagnola e volete scappare per qualche ora al fresco della cantina la VALLE DELLE LEPRI saprà come soddisfarvi.

Umberto G. Agostinelli
Maestro Enogastronomo Sommelier

Valle delle Lepri:
Az. Agr. Biologica Valle delle Lepri
via Cà Righetti, 17
Coriano (RN)
Tel. e Fax 0541/ 656464
e-mail: info@valledellelepri.it
sito web: www.valledellelepri.it