Eventi

« Ottobre 2017 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31
“Il vino non si beve soltanto, si annusa, si osserva, si gusta, si sorseggia e... se ne parla.” (Edoardo VII)

PETROSO 2008 Terre Rosse - Enrico Vallania

Torna alla lista delle recensioni

PETROSO 2008
EMILIA IGT – MERLOT
VIGNETO DELLE TERRE ROSSE – ENRICO VALLANIA

Il Vigneto delle Terre Rosse sorge sulle prime pendici collinari ad ovest di Bologna, nel comune di Zola Predosa.

L’azienda di famiglia venne rifondata nel 1961 da Enrico Vallania, medico di professione ma viticoltore per passione e dopo la sua scomparsa, avvenuta nel maggio 1985, sono la moglie Adriana ed i figli Elisabetta, Giovanni ed Enrico Jr. a prendere le redini dell’azienda.

Nei 25 ettari di vigneto che compongono l’azienda trovano spazio diverse tipologie di vitigni: cabernet sauvignon, riesling, malvasia, chardonnay, sauvignon, pinot bianco, pinot nero e merlot. Alcuni di questi vitigni sono presenti sui Colli bolognesi da tempo immemorabile, gli altri sono state aggiunti, dopo anni di sperimentazione della famiglia Vallania, perché più si addicevano alle particolari caratteristiche delle argille calcareo-ferrose di quelle terre.

Rigore e sperimentazione sono stati applicati alle tecniche di produzione e vinificazione, partendo dal presupposto che i vini si debbano fare in campagna secondo la vocazione del terreno, limitando al massimo ogni intervento umano, dalla concimazione, alla lotta antiparassitaria, alla chimica enologica.

La vinificazione viene effettuata con rigoroso controllo della temperatura e l'invecchiamento, da uno a sette anni a seconda dei vini, trova collocazione ideale, secondo i Vallania, in piccole vasche di acciaio.

Queste sono alcune delle scelte di Enrico Vallania che desiderava lasciare i suoi vini nell' ambiente più neutro che la tecnologia potesse offrire per preservarne il più possibile l'autenticità. Ecco quindi che la caratteristica principale dei vini del Vigneto delle Terre Rosse è che nessuno di essi subisce un invecchiamento in botte, sia essa grande o piccola, scelta sotto alcuni aspetti controcorrente ma che ha permesso ad ogni vino di mantenere la sua personalità dal punto di vista aromatico.

Arriviamo finalmente all’assaggio del vino, il Petroso 2008, che esce con la denominazione Emilia IGT Merlot, costituito per l’87 % da merlot e per il restante 13 % da cabernet sauvignon.

Dopo una breve macerazione sulle bucce, riscontrabile anche dal colore, il vino subisce tre anni di invecchiamento in acciaio ed affinamento di 6 mesi in bottiglia, a questo punto è pronto per essere immesso in commercio.

All’analisi visiva ci appare di un rosso rubino non molto carico (a causa della breve macerazione sulle bucce) ma ancora molto acceso, caratteristica che denota la gioventù del vino.

Al naso si evidenzia subito una nota erbacea molto importante poi in un secondo tempo riescono a farsi strada anche dei piccoli frutti rossi ed una leggera speziatura.

All’analisi gustativa il vino risulta sufficientemente morbido, fresco, con una buona tannicità, una buona persistenza ed infine con un’importante struttura.

Il vino è stato bevuto ancora molto giovane e tutte le sue caratteristiche fanno pensare ad una buona longevità dello stesso.

Io lo avevo abbinato ad uno stinco di maiale al forno, la cui grassezza si abbinava perfettamente alla tannicità e freschezza del bicchiere.

TERRE ROSSE
Via Predosa n° 83
40069 Zola Predosa (Bologna)
Tel. 051 755845
www.terrerosse.it