Eventi

« Giugno 2017 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30
Se Dio avesse proibito il vino perché lo avrebbe fatto così buono. (Cardinale Richielieu)

COLOMBAIA 2010 Gutturnio DOC Sup - BARACCONE

Torna alla lista delle recensioni


Il vino è vita, è pazienza, è fatica, è piacere.
Nostra è la passione per produrlo, Vostra per goderlo.

Queste 2 semplici frasi presenti sulla homepage del sito internet dell’Azienda Agricola Baraccone esprimono il più sinteticamente possibile la passione e l’impegno che caratterizzano i viticoltori di questa piccola azienda dei Colli piacentini, che continuano a lavorare da più di un secolo nel rispetto dell’ambiente e della terra da cui provengono.
Siamo nel comune di Ponte dell’Olio sulle colline della Val Nure a poco meno di 30 km da Piacenza.
La storia “professionale” della cantina è breve poiché solo dal 1995 il vino viene imbottigliato per la vendita, prima di questa data la famiglia produceva (dai primi anni del ‘900) in modo amatoriale per gli amici.
Il nome dell’azienda deriva dalla località Baraccone, presso Folignano di Ponte dell’Olio, dove per quasi un secolo la vecchia cantina ha operato e dove tuttora sono situati i vecchi vigneti. Baraccone in dialetto piacentino significa giostra e proprio in questa località stazionavano in passato giostrai, acrobati, cantastorie e giocolieri. Da questi antichi ricordi prende forma il logo dell'azienda che rappresenta proprio un giocoliere stilizzato.
Attualmente la superficie vitata è di 9,5 ettari, con un’età dei vigneti che va dai 50 anni di quelli piantati dai nonni fino a quelli più recenti messi a dimora nel 1999.
Le varietà di uve coltivate sono quelli autoctone tipiche dei Colli piacentini, con netta prevalenza di barbera e bonarda (o croatina) utilizzate per produrre le tre versioni di Gutturnio DOC.
Un uvaggio a base di malvasia, chardonnay, ortrugo, trebbiano e greco ed un cabernet nella versione passito secco completano la produzione aziendale che si attesta attorno alle 40000 bottiglie annue.
Io ho assaggiato il Colombaia 2010, Gutturnio DOC superiore, nome che riporta all’antica denominazione dei più vecchi vigneti di famiglia presso il paese di Folignano.
Dopo una macerazione sulle bucce per due settimane con frequenti follature e rimontaggi il vino sosta per tre mesi in barrique di secondo passaggio e poi seguono almeno otto mesi di affinamento in bottiglia.
Ciò che colpisce di più una volte versato nel bicchiere è il suo colore: rosso rubino carico ed impenetrabile tendente al violaceo, al tempo stesso il vino è molto ricco di estratto secco, roteandolo all’interno del calice notiamo le pareti del bicchiere “macchiarsi” di viola.
L’etichetta ci segnala una gradazione alcolica del 14 % quindi anche l’apporto glicerico non è indifferente, gli archetti che si formano sulle pareti del bicchiere sono molto fitti e lenti.
Al naso riscontro un’intensità rilevante ed una media persistenza. Le note percepite riportano alla frutta ed alle spezie. È un tripudio di frutti rossi dalla prugna alla ciliegia ai mirtilli fino alla marmellata di more. Il finale è caratterizzato da una leggera nota speziata non invadente che conferisce al vino una finezza notevole.
In bocca si percepisce ancora la sua gioventù, buona freschezza e tannino ben presente, ma allo stesso tempo una sensazione di morbidezza che non ti aspetti e che conferisce al vino un’equilibrio importante. Riscontro anche una buona persistenza gustativa.
Nel complesso ci troviamo davanti ad un esempio tipico di gutturnio piacentino dove la barbera apporta la sua buona dose di acidità e tannicità mentre la bonarda oltre al colore importante conferisce al vino una morbidezza tale da bilanciare le sue componenti dure.
Gli abbinamenti più interessanti possono essere con primi a base di carne tipo lasagne o tagliatelle oppure con secondi piatti a base di arrosti o bolliti.
I più temerari potrebbero provare ad abbinarlo ad un brasato di asinina, piatto tipico della tradizione piacentina!

Maestra Enogastronoma Sommeliers Patrizia Poli

Azienda Agricola BARACCONE
Ca’ Morti 1
29028 PONTE DELL’OLIO (PC)

Tel. e Fax 0523 877147
Cell. 347 7322730

info@baraccone.it
www.baraccone.it