Eventi

« Ottobre 2017 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31
La forza sconvolgente del vino penetra l’uomo e nelle vene sparge e distribuisce l’ardore. (Lucrezio)

CABERZEMEIN 2011 IGP di RIO ROCCA AGRICOLA FARNETO

Torna alla lista delle recensioni

Nuova e interessante l’azienda che produce il vino che andremo a degustare per questo nuovo appuntamento con la recensione regionale. L’azienda in questione è Rio Rocca dell’Agricola del Farneto sita a Castellarano in pieno appennino reggiano. L’azienda copre una superficie di 34 ettari, tutti coltivati con grande attenzione all’eco sostenibilità in certificazione biologica ma in coltivazione biodinamica sulla piana del Farneto ad un altezza media di 250 metri sul livello del mare.
Questa particolare agricoltura si basa sui concetti portati avanti da Rudolf Steiner ben 80 anni fa, quando ancora “moda” era una parola priva di qualunque significato, per cui idee portate avanti con convinzione e dedizione allo scopo di avere prodotti il più possibile in armonia con la natura. Quest’equilibrio deve essere “trovato” relazionando tra loro l’uomo, l’ambiente, la terra e il cosmo. Detto così sembrerebbe tutto facile, ma non lo è, proprio per questo i prodotti di Rio Rocca si evidenziano per fattura e qualità.
Il vino che andremo a degustare quest’oggi è il Caberzémein 2011 IGP, frutto dell’unione del Cabernet Sauvignon e del Marzemino. Il primo un uva internazionale ormai coltivata in tutt’Italia, la seconda un uva autoctona del nord est italiano, ma da lungo tempo radicata anche nelle colline reggiane. Vendemmiato a mano e fermentato spontaneamente, quindi coi soli lieviti selvaggi, è stato maturato per ben 14 mesi in tonneau prima dell’affinamento in bottiglia che è stato di minimo 6 mesi.
La bottiglia, invece, è la classica bordolese con una bell’etichetta bianca e marrone raffigurante la bella frase: Naturae Vitis Cultura, a indicare che questo vino per come è stato prodotto rispetta la vite, la natura e la cultura. Alla mescita si denota un colore rosso rubino intenso e luminoso, mentre il naso è sia intenso che persistente, giocato su sensazioni fruttate e floreali, con accenni speziati in chiusura. Profumi comunque morbidi, fini ed eleganti, nette le note di mora, ciliegia, fragola di bosco alle quali si unisce una franca violetta di campo, mentre in chiusura sono percettibili sensazioni più vegetali e balsamiche mentolate.
Al gusto si rileva un’intensità maggiore rispetto alla persistenza, sicuramente secco di zuccheri ma con tannini evidenti ma morbidi e setosi, che chiudono con una gradevole piccola nota amarognola. Abbastanza fresco di acidità e corpo consistente nonostante l’alcool non troppo pronunciato gli lasci una bellissima bevibilità. Buona la sapidità di chiara impronta minerale che è piacevolmente percettibile durante la fase di persistenza. Riassumendo il Caberzémein 2011 di Rio Rocca è piacevole vino che fa del piacere e della facilità di beva il suo forte.
Consiglio di berlo in calici a tulipano di media ampiezza per permettere ai profumi di meglio arieggiarsi favorendo le note fruttate, mentre come temperatura di servizio è perfetta quella dell’ambiente casalingo di questo periodo, ossia i 18°, 20°.
Come abbinamento io l’ho abbinato ad una tagliata rucola e grana, abbinamento riuscito per il giusto corpo del vino che ben reggeva la carne di manzo e la nota leggermente amarognola si sposava con il grana e la rucola. Questo Rio Rocca 2011 è il classico vino quotidiano atto a reggere l’intero pasto, partendo da un antipasto all’italiana a base di pane salame, in questo caso tagliato rigorosamente a coltello, e con la fetta grossa che si regga in piedi, passando poi a primi piatti a base dell’emilianissimo ragù di carne come le tagliatelle, per finire poi con un buon arrosto di carne o grigliata mista di cane. Regge bene anche il calice del giorno dopo per cui se aprendo la bottiglia, questa non venisse finita la si può consumare tranquillamente il giorno dopo. Vino perfetto per essere consumato durante le cene con amici, quando l’allegria e spensieratezza la fa da padrona, difatti l’abbinamento migliore resta sempre quello di condividerne un calice o due con le persone amate.

Maestro Enogastronomo Sommelier Paride Cocchi

Il Farneto Soc. Agricola s.n.c.
Via Covetta, 50 - 42014 Tressano di Castellarano (RE) ITALY
tel. 0536.253001 - fax 0536.990400
e-mail: info@agrifarneto.it - web: www.agrifarneto.it