Eventi

« Settembre 2017 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30
Non conosco nulla che vellichi così voluttuosamente lo stomaco e la testa quanto i vapori di quei piatti saporiti che vanno ad accarezzare la mente preparandola alla lussuria. (De Sade)

50 SFUMATURE DI CIAMBELLINE!

Torna alla lista delle ricette

Si tratta di una ricetta poliedrica, l’impasto si presta infatti sia ad essere dolce che salato, lo si può lavorare creando diverse forme e aromatizzare/farcire/guarnire in tantissime maniere.. libero sfogo quindi alla fantasia!

In origine furono “ciambelline dolci al forno”, richiamo per tutte le donne golose, che vogliono “fare le modelle”, ma che non sanno resistere ai peccati di gola!

E infatti la golosità ha poi la meglio.. semplicemente ricoperte di zucchero, queste ciambelline sono già buonissime, figuriamoci ripiene di confettura o crema pasticcera.. oppure ricoperte di cioccolato e granella di nocciola o di glassa di zucchero colorata tipo “donuts”… e perché no a mò di “bombolone”?!

Poi per i sensi di colpa, si passa alla versione salata... vi metto gli ingredienti esatti anche per questo impasto (sono differenze minime), potrete così emulare, ad esempio, il famoso “Danubio”, perfetto per un aperitivo originale!


Ingredienti per circa 20/25 ciambelle dolci:

  • 230 ml di latte
  • 60 g di zucchero semolato
  • 1 uovo
  • 450 g di farina 00
  • 7 g di lievito fresco (1/4 del cubetto), per una lievitazione più veloce raddoppiare la dose del lievito
  • 100 g di burro morbido
  • semi di 1/2 bacca di vaniglia
  • un pizzico di sale


Ingredienti per circa 20/25 ciambelle salate:

  • 230 ml di latte
  • 30 g di zucchero semolato
  • 1 uovo
  • 450 g di farina 00
  • 15 g di lievito di birra, per una lievitazione più veloce aumentare il lievito fino a 20 g
  • 100 g di burro morbido
  • un pizzico di sale
  • 1 tuorlo e due cucchiai di latte (per spennellare)


Procedimento per ciambelle dolci:
1. Sbattere l’uovo con una forchetta, versare nella ciotola della planetaria o in una ciotola di plastica: l’uovo, lo zucchero, i semi di vaniglia, il latte e il sale e amalgamare il tutto.


2. Unire al composto il lievito sbriciolato, metà della farina setacciata e iniziare ad impastare a mano o con la planetaria (gancio a foglia); l’impasto deve risultare omogeneo.

3. Aggiungere il burro morbido un po’ per volta a pezzetti piccoli, continuare ad impastare per incorporarlo (chi esegue il procedimento con la planetaria deve sostituire il gancio a foglia con il gancio a spirale).

4. Quando tutto il burro sarà ben incorporato aggiungere la farina rimasta un po’ per volta e continuare ad impastare sino ad ottenere un impasto lucido, liscio, elastico e un po’ appiccicoso.

5. Trasferire l’impasto sulla spianatoia ben infarinata e lavorarlo sino a quando non si attaccherà più alle mani (se necessita, aggiungere altra farina ma senza esagerare, l’impasto deve risultare morbido).

6. Spennellare con olio evo una ciotola capiente e adagiare l’impasto, coprire con un canovaccio umido e far lievitare in un luogo tiepido per più di 1 ora (deve raddoppiare il volume e potrebbe servire più tempo).

7. Trascorso il tempo per la lievitazione, infarinare la spianatoia e impastare con delicatezza l’impasto lievitato per farlo sgonfiare.

8. Con un mattarello stendere l’impasto sino ad ottenere una sfoglia con uno spessore di circa 1 cm, ricavare le ciambelle con un coppapasta di diametro 8 cm e fare un foro al centro con un coppapasta del diametro di 3 cm (più o meno, le misure in questo caso non sono fondamentali).

8bis. Se avete scelto un formato adatto ad essere farcito, questo è il momento di aggiungere il ripieno, a vostro piacimento.

9. Sistemare le ciambelle ben distanziate su di una teglia rivestita con carta forno, coprire con una canovaccio e far lievitare nuovamente per più di 1 ora in un luogo tiepido (le ciambelle devono raddoppiare di volume, potrebbe servire più tempo in quanto abbiamo aggiunto solo 7 g di lievito di birra).

10. Far scaldare il forno a 180°C e cuocere le ciambelle per circa 15/20 minuti (dipende dal forno), devono risultare dorate.

11. In un pentolino sciogliere il burro.

12. Spennellare le ciambelline sofficissime al forno con il burro fuso o con il miele e passarle nello zucchero semolato, (si può in alternativa l’albume, in questo caso vanno spennelate e guarnite prima di essere informate).

13. Eventualmente, tagliarle a metà e farcire con ciò che più vi piace! Tanto per viziarci con cioccolato 75%

E da bere?
Per quanto riguarda la versione dolce l’abbinamento migliore è un con un buon caffè, fatto con la moka, per iniziare la giornata con il sorriso! Oppure con una spremuta di agrumi come merenda per i più piccoli.

Per i più grandicelli un calicino di “Es più sole 2012” Dolce Naturale – Primitivo di Manduria DOC di Gianfranco Fino.

Quanto di meglio per un abbinamento gratificante con la cioccolata.

La versione salata, la immagino in formato “Danubio”, ripieno di mortadella e fontina e abbinata a Pignoletto frizzante della cantina Corte D’Aibo, che ben si equilibrerà con i profumi dell’impasto, la dolcezza e allo stesso tempo sapidità della farcitura e che con le sue bollicine rinfrescanti vi inviterà a mangiarne subito un altro boccone.

M.E.S PAOLA GAMBERINI Delegazione di Modena