Eventi

« Settembre 2017 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30
“L'astemio: un debole che cede alla tentazione di negarsi un piacere” (Ambrose, Bierce)

Spaghetti alla chitarra con Triglie di scoglio e Mazzancolle

Torna alla lista delle ricette

Ingredienti:

  • spaghetti alla chitarra 100 gr. per commensale
  • mazzancolle dell’adriatico almeno 2 per commensale
  • filetti di triglia di scoglio quattro per commensale
  • olio E/Vergine 100 gr
  • uno scalogno
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • sale e pepe qb
  • pochissimo prezzemolo ed aglio
  • brodo liofilizzato di verdure un cucchiaio
  • una costa di sedano
  • una carota
  • una piccola cipolla
  • un limone non trattato

Procedimento: sfilettare le triglie, conservando gli scarti, metterle tra due piatti e riporle in frigo.

Pulire le mazzancolle togliendo il carapace e, con uno stecchino, l’intestino dorsale.

In una capace pentola (almeno 5 lt.) mettere: 3 lt di acqua, sedano carota , cipolla, il cucchiaio di brodo liofilizzato e far bollire per 30 minuti.

Filtrare il fumetto così ottenuto, aggiustare di sale e tenere il brodo in bollore.

In una padella mettere un filo d’olio e lo scalogno in due pezzi, far rosolare e toglierlo, unire gli spaghetti, un mestolo di brodo e sfumare col vino bianco; cominciare a risottare col fumetto.

Quando gli spaghetti vi sembrano quasi cotti, unire il pesce battuto al coltello, un pizzico di prezzemolo ed aglio e terminare la cottura.

Impiattare grattugiando in superficie un po’ di scorza del limone. (solo il giallo)

Vino in abbinamento:

Verdicchio Collestefano: la succosità, la freschezza e la ricchezza ed intensità dei profumi che spaziano dalla mela Granny Smith all’agrumato dei pompelmi ben maturi ed un finale lungo e complesso, hanno completato la mia ricerca enogastronomica.