Eventi

« Novembre 2017 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30
"Un pasto senza vino รจ come un giorno senza sole." - Brillat-Savarin

Cenetta a base di pesce tra light e non

Torna alla lista delle ricette

Voglia di cose nuove e semplici, un antipasto un primo ed un secondo

Ingredienti per quattro persone:

  • Carpaccio di tonno 200 gr
  • un avocado
  • un’arancia
  • un porro
  • brodo vegetale
  • 400gr. patate
  • spinaci 200 gr (se freschi , 100 gr se surgelati)
  • due fette di pane da toast
  • 8 capesante
  • 500 gr di sogliole fresche
  • 400 gr di nasello fresco a fette
  • un uovo
  • 200 cc di olio di arachidi
  • il succo di un quarto di limone
  • aglio in polvere (per praticità) oppure far macerare due spicchi d’aglio nell’olio di arachidi per mezza giornata.

1) L’antipasto per me deve contenere elementi che mi stimolino a continuare nell’avventura gastronomica.

Un carpaccio di tonno pinne gialle condito con olio e/vergine della Sabina grezzo, non filtrato, e pepe, marinato con vinaigrette all’arancio, avocado “via aerea”, con olio, sale, pepe e tagliata di arance al vivo condite con olio sale e pepe.

2) Zuppetta di patate, porri e spinaci con crostino e Capesante grigliate. Per questa zuppa cuocere prima gli spinaci , poi le patate, far soffriggere nel burro i porri, frullare tutto nel mixer e tenere in caldo.

Cuocere le capesante in padella antiaderente con pochissimo olio e/vergine, a fine cottura far grigliare il pane nel sughetto rimasto.

Impiattare aggiustando di sale e pepe e rifinire con un filo d’olio.

3) Piatto di pesce al vapore: in una vaporiera o pentola con l’apposito cestello far cuocere la sogliola, le sue uova (se ci sono), il nasello.

Condire con salmoriglio al limone (in un piatto sbattere velocemente con una frusta l’olio, il sale, alcune gocce di limone e acqua calda per emulsionare il tutto) e guarnire con le patate che ci saranno avanzate dalla preparazione della zuppa condite con olio prezzemolato ed una salsa all’aiolì.

Preparazione dell’aiolì: in una ciotola mettere il tuorlo dell’uovo ed iniziare a montare con una frusta. Se avremo fatto la marinata di aglio iniziare ad unire l’olio della marinata a filo almeno inizialmente, poi più velocemente, lavorando con la frusta sempre dallo stesso verso. Alla fine insaporire con limone e sale (e l’eventuale aglio in polvere).

Vino in abbinamento:

Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore Bonci San Michele 2011.

Annata spettacolare con un naso che spazia dalla nespola all’albicocca su cui si adagia una Gran Smith leggermente matura, bocca snella e scattante con un’acidità, vista l’annata, ancora vivace che avrebbe portato questo vino ad ulteriori anni di invecchiamento.Su tutto ciò si impone un’austerità impressionante con note rotonde date dai polialcoli che ammorbidiscono la sensazione organolettica generale.

MES ACHILLE VILLANI